RSM Revisione e Organizzazione Contabile
Languages

Languages

Il design thinking

Design thinking e gaming: nuove metodologie per affrontare nuove sfide

RSM, attraverso il proprio Innovation Lab, utilizza la metodologia del design thinking e il gaming, per avviare all’interno dell’azienda un percorso in grado di sviluppare la capacità di problem solving e valorizzare il pensiero creativo di ogni individuo.

Negli ultimi anni le aziende si sono evolute per affrontare sfide sempre più complesse quali l’instabilità dei mercati, consumatori sempre più esigenti, necessità di avere piani strategici ben esplicitati; questi sono solo alcuni dei nuovi scenari con cui l’imprenditore ed il manager si sono dovuti e si devono confrontare.

In questo nuovo contesto competitivo è emerso che le persone sono il vero valore e motore aziendale e che occorre un’innovazione di pensiero e nel pensiero.

La metodologia del Design Thinking, scommettendo sul pieno coinvolgimento delle persone, sulla comprensione dei loro effettivi bisogni e sull’utilizzo di tools di analisi e prototipazione rapida, aumenta notevolmente la capacità delle organizzazioni di prendere decisioni efficaci e redditizie, creando condivisione e “benessere” per tutti i suoi stakeholders, interni ed esterni.

In quali contesti trova applicazione il Design Thinking?

Dal lancio di una start-up o di un nuovo prodotto alla revisione del modello di business, dalla definizione di un piano strategico al miglioramento delle performance, dalla trasformazione digitale alla valorizzazione delle risorse umane. Ogni sfida aziendale può essere affrontata con il Design Thinking per ottenere in tempi rapidi soluzioni innovative «fuori dagli schemi», low cost e a forte impatto.

L’utilizzo del gaming abbinato alla metodologia permette di ampliarne l’efficacia, in quanto stimola maggiormente la creatività, velocizza il raggiungimento degli obiettivi, coinvolge pienamente, facilita la co-creazione e può essere utilizzato anche per affrontare tematiche complesse.

Le 5 fasi del Design Thinking

Il percorso di Design Thinking si svolge in sintesi in 5 fasi:

  1. Comprensione: analizzare il contesto per approfondire i problemi percepiti dal gruppo di lavoro;
  2. Definizione: individuare un problema prioritario e definire una sfida da affrontare nel percorso;
  3. Ideazione: dare spazio alla creatività ed immaginare le possibili soluzioni alla sfida;
  4. Prototipazione: dare concretezza alla soluzione realizzando qualcosa che permetta di interagire con essa;
  5. Test: validare l’efficacia della soluzione coinvolgendo i suoi potenziali stakeholders e raccogliere feedback per il suo miglioramento.

Il Business Model Canvas, strumento per il Design Thinking

La parola chiave quando si parla di Design Thinking è quindi senza dubbio innovazione.

Questa è oggi più che mai una priorità per le aziende, ma non (soltanto) intesa come innovazione tecnologica, bensì come ripensamento del proprio business, della propria value proposition, del proprio posizionamento all’interno della catena di valore della propria industry.

Per riuscire a fare tutto questo, uno degli strumenti più efficaci di cui si avvale il Design Thinking è il Business Model Canvas.

Molto spesso si pensa che il Business Model Canvas sia applicabile solo alle startup, ma questo non è vero, perché l’adattamento della propria offerta di valore ai nuovi bisogni del cliente è la principale sfida per tutte le aziende.

Per scoprire di più su Business Model Canvas, guarda i video di Luca Pulli, Partner RSM ed esperto di Design Thinking.

Nuovi modelli di business: last call per innovare. Come creare una proposta di valore efficace?.
Business Model Canvas- Siamo tutti delle start-up
New Normal Business Model Canvas - Casi pratici

How can we help you?

Contact us by phone +39 02 8342 1490 or submit your questions, comments, or proposal requests.

Email us