Nubi di tempesta si addensano sull’economia mondiale, ma i risvolti positivi rimangono

di Graham Bushby, Partner, RSM UK e Dr Tu Nguyen, Economist, RSM Canada

Non sarebbe stato semplice. Così affermò il presidente della Banca Mondiale David Malpass riguardo l'economia globale nel 2022 , in particolare per i Paesi che stavano ancora affrontando la pandemia da COVID-19 o erano nel bel mezzo di essa.

Per molti, il peggio della pandemia sembra essere passato. Le prospettive, tuttavia, non sono così rosee. A gennaio, la Banca Mondiale ha previsto che la crescita globale sarebbe rallentata al 4,1% nel 2022 dal 5,5% del 2021. La sua ultima previsione ha rivisto tale valore ad appena il 2,9%.

La guerra in Ucraina ha esacerbato il rallentamento, con il rischio di un "periodo prolungato di crescita debole e inflazione elevata", si legge nell'analisi di giugno, con un rischio reale di stagflazione che non si vedeva dagli anni Settanta. Il capo del FMI (Fondo Monetario Internazionale), nel frattempo, all'inizio del World Economic Forum di Davos, a maggio, ha avvertito che l'economia globale si trova di fronte alla "più grande prova dalla seconda guerra mondiale".

Per le imprese si prospetta una battaglia.

Sfide su tutti i fronti

Siamo di fronte ad una "confluenza di calamità", come ha detto Kristalina Georgieva del FMI. La più importante è l'inflazione. Negli Stati Uniti, a maggio, ha toccato un massimo di 40 anni, l'8,6%; nell'Eurozona, l'8,1%. Nel Regno Unito, con un'inflazione anch'essa ai massimi da decenni, la Banca d'Inghilterra prevede che quest'anno raggiungerà l'11%.

Inoltre, l'inflazione è il sintomo, ma le imprese ne subiscono anche le cause: l'eccesso di domanda e le continue disfunzioni delle catene di approvvigionamento che, in alcuni casi, non solo fanno lievitare i costi ma limitano anche la disponibilità di beni e materie prime. In alcuni settori, le imprese si trovano nell'impossibilità di ottenere materiali, beni o servizi essenziali a qualsiasi prezzo. Dalla carenza di chip per semiconduttori che minaccia l'industria automobilistica alla mancanza di legname che blocca i progetti edilizi, le imprese si trovano più che mai in difficoltà nel soddisfare la domanda dei clienti e nel generare ricavi.

Inoltre, la guerra in Ucraina, le sanzioni e l'aumento dei prezzi del carburante hanno portato a una carenza critica di fertilizzanti e a restrizioni nella capacità di movimentare il grano in tutto il mondo. Di conseguenza, stiamo assistendo all'emergere della minaccia di una crisi alimentare globale.

Allo stesso modo, la carenza di personale, così come le richieste di aumenti salariali a fronte dell'inflazione, non solo fanno lievitare il costo del lavoro, ma limitano anche la crescita. Recenti dati della banca Barclays hanno dimostrato che il 94% delle imprese del settore alberghiero e del turismo ha difficoltà a reclutare personale. Allo stesso modo, la Structural Timber Association (STA) ha recentemente avvertito che il problema delle scorte di materiali non è così grave come i problemi a lungo termine legati alla forza lavoro per l'industria globale delle costruzioni.

La buona notizia è che, sebbene i prezzi rimarranno probabilmente alti quest'anno e fino al 2023, probabilmente non assisteremo a un ritorno agli anni Settanta. Il mondo non è più così ostaggio della fornitura di petrolio da parte di poche nazioni come allora. In effetti, la relativa indipendenza energetica degli Stati Uniti è un motivo per sospettare che quest'anno abbiano maggiori possibilità di evitare la recessione rispetto all'Europa e al Regno Unito, colpiti più duramente dall'impatto della guerra in corso in Ucraina sulle forniture di gas nella regione.

La cattiva notizia è che le cause dell'inflazione sono varie e complesse: la mancanza di mobilità della manodopera, i problemi logistici, le continue restrizioni dovute alla pandemia in Asia, il crescente protezionismo (che precede la pandemia o la guerra) e il sovraccarico della domanda dei consumatori. Molte cose potrebbero ancora andare storte, sia che si tratti di spirali di prezzi salariali che spingono l'inflazione sempre più in alto, di una nuova variante COVID, di carenze alimentari come risultato della guerra o di costi energetici più elevati quando arriva l'inverno.

Anche se, come previsto dalle banche centrali, l'inflazione inizierà a diminuire l'anno prossimo, è improbabile che la cura sia più gradita della malattia: tassi di interesse più alti ed economie più lente che riducono la domanda dei consumatori. Le imprese devono modificare i loro modelli e le loro ipotesi, sperando nel meglio ma preparandosi al peggio.

Dalla crisi anche opportunità

Se la situazione sembra desolante, c'è però una consolazione: se devono affrontare un percorso difficile, molte imprese partono da una base solida.

Innanzitutto, non solo i tassi di interesse sono ancora storicamente bassi, nonostante i recenti aumenti, ma la maggior parte delle imprese continua ad avere livelli di indebitamento piuttosto bassi. Ad aprile, l'analista Preqin ha stimato in 3,4 trilioni di dollari la disponibilità globale del settore del private equity: una cifra record in cerca di investimenti.

E mentre il rischio di recessione è molto concreto, per ora almeno le insolvenze partono da una base bassa. Negli Stati Uniti, ad esempio, i fallimenti societari hanno raggiunto un minimo storico nell'ultimo anno.

Naturalmente ci saranno molte eccezioni. Alcune aziende e interi settori hanno un debito significativo. L'industria delle costruzioni, ad esempio, è spesso caratterizzata da una forte leva finanziaria. Per queste imprese, anche piccoli aumenti dei tassi hanno un impatto significativo sui costi delle operazioni.

Nel frattempo, pur rimanendo storicamente bassi, ci sono segnali di aumento delle insolvenze; nel Regno Unito a maggio sono aumentate di un terzo rispetto al numero registrato nei tre anni precedenti. A livello globale, colpisce anche l'aumento delle vendite accelerate, con aziende che vendono parti non redditizie o cercano di generare capitale prima che il mercato si muova contro di loro.

Infine, è anche vero che alcune aziende si trovano in una posizione migliore di altre per superare la tempesta: l'indice di RSM delle imprese del mercato medio statunitense degli ultimi due anni ha evidenziato che le imprese più piccole - quelle con un fatturato inferiore a 5 milioni di dollari - hanno dovuto affrontare maggiori difficoltà nell'adattarsi a sfide come i problemi della catena di approvvigionamento, la carenza di lavoratori e l'inflazione.

Tuttavia, il pagamento dei licenziamenti e altri aiuti alle imprese durante la pandemia significano che ci sono aziende che rimangono in una posizione forte, in alcuni casi molto più forte rispetto alle precedenti crisi. Inoltre, la storia dimostra che ci sono vincitori e vinti dall'incertezza economica e persino dalle recessioni. A fronte di tutte le sfide, esistono opportunità di business redditizio: integrazione verticale e orizzontale, acquisizione di competitor a prezzi vantaggiosi, sviluppo e dominio dei mercati.

Le aziende che dispongono di risorse, redditività e - cosa fondamentale - della flessibilità necessaria per adattarsi rapidamente a queste opportunità potrebbero scoprire che le prospettive non sono poi così cupe.