RSM Revisione e Organizzazione Contabile
Languages

Languages

Crisis management: il supporto di RSM nella gestione della crisi finanziaria aziendale

Quali fattori possono portare una società ad affrontare un momento di crisi finanziaria?

Come risolvere un’insolvenza e ristrutturare un debito per riacquistare fiducia da parte della comunità finanziaria, dei clienti e dei fornitori?

In che modo assicurare lo svolgimento delle attività fondamentali per la continuità aziendale?

Il team Crisis & Forensic di RSM è un team multidisciplinare che comprende esperti di crisi, esperti forensic-audit, esperti legali in grado di rispondere a queste domande grazie all’esperienza maturata nel crisis management a diretto supporto delle aziende, dei gruppi societari e degli organi delle diverse forme di procedura.

I nostri professionisti:

  • sono esperti di crisi finanziaria e accreditati presso i principali Tribunali Italiani, hanno svolto il ruolo di Advisor nelle procedure concordatarie, ristrutturazione del debito ex art. 182 bis e ter Legge Fallimentare, collaborano da anni con i Commissari straordinari, giudiziali ed i Curatori fallimentari delle procedure concorsuali, nonché con le Procure della Repubblica e gli Amministratori Giudiziari;
  • conoscono nel dettaglio il complesso di attività da porre in essere nelle varie fattispecie di crisi in cui un’azienda può trovarsi e le modalità con cui eseguirle, facilitando il dialogo con tutte le controparti coinvolte nelle procedure di rinegoziazione del debito;
  • assistono e tutelano i clienti nella gestione della crisi e della insolvenza momentanea e prospettica della Società, utilizzando delle specifiche procedure concorsuali previste dall’ordinamento italiano.

L’offerta RSM

Grazie alla conoscenza dettagliata del complesso di attività previste dalle varie procedure concorsuali - il fallimento, il concordato preventivo, il concordato fallimentare, l’amministrazione straordinaria e LCA - l’intervento dei nostri professionisti facilita il dialogo con tutte le controparti coinvolte nelle procedure di rinegoziazione del debito, portando così ad ottimizzare le risorse in termini di tempo e denaro.

Fallimento

L’istituto del fallimento ad oggi è disciplinato dal Regio Decreto del 16 marzo 1942, n. 267, c.d. Legge Fallimentare.

Si tratta di una procedura concorsuale instaurata con la sentenza del tribunale, che dichiara fallito l’imprenditore in stato di insolvenza ed è volta ad assicurare il soddisfacimento, a parità di condizioni, dei creditori sociali.

Con l’introduzione del nuovo Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza (contenuto nel D.Lgs. n. 14/2019) sarà progressivamente cancellato il termine “fallimento”.

L’obiettivo del legislatore è duplice:

  • prevenire le situazioni di crisi, mediante l’utilizzo di opportuni sistemi di allerta e monitoraggio della situazione economico-finanziaria dell’impresa;
  • quando sia inevitabile “fallire”, rendere meno traumatico il passaggio alla fase di “liquidazione giudiziale”.

Le attività in cui possiamo supportarvi sono:

  • Programmazione degli inventari
  • Predisposizione delle istanze iniziali di procedura,
  • Predisposizione della relazione ex art. 33 L.F
  • Forensic-audit sulle situazioni patrimoniali, economiche e finanziarie precedenti la dichiarazione di fallimento
  • Accertamento e formazione dello stato passivo,
  • Individuazione degli elementi a supporto delle azioni revocatorie fallimentari
  • Predisposizione del piano di riparto fallimentare

Concordato preventivo (in continuità/liquidatorio)

E’ uno strumento giudiziale messo a disposizione dell’imprenditore per la risoluzione della crisi d’impresa e evitare quindi la dichiarazione di fallimento

Secondo quanto disposto dall' art. 160 L.F. l'imprenditore che si trova in stato di crisi può sottoporre all’attenzione dei creditori sociali una proposta di soddisfacimento dei lori crediti basata su un percorso di continuità aziendale o liquidatorio delineato all’interno di un piano economico-finanziario.

Il concordato preventivo ha lo scopo di tutelare l’imprenditore che può mantenere l’amministrazione dell’impresa, i creditori che conseguono in tempi brevi il soddisfacimento del proprio credito e il più ampio interesse della società a mantenere operativa l’impresa e i livelli occupazionali.

Il team Crisis & Forensic RSM può supportarvi nelle seguenti attività:

  • Assistenza professionale nella predisposizione del ricorso per l'ammissione alla procedura di concordato preventivo
  • Assistenza nella redazione delle relazioni periodiche del commissario giudiziale
  • Verifica dei pagamenti effettuati nel periodo successivo all'entrata in procedura
  • Accertamento del numero, composizione e ammontare iscritto per ciascun creditore
  • Review del piano concordatario presentato dal debitore

Amministrazione Straordinaria (AS)

Fra le procedure concorsuali rientra anche l’amministrazione straordinaria di grandi imprese che consente la prosecuzione, riattivazione o riconversione delle attività imprenditoriali.

Oltre al rispetto dei requisiti previsti dalla normativa fallimentare vigente, il ricorso per l’ammissione alla procedura di AS deve osservare specifici valori occupazioniali e di indebitamento, al di sotto dei quali tale procedura non risulta instaurabile da parte del debitore.

L’offerta RSM in tal caso comprende i seguenti servizi:

  • Predisposizione della relazione iniziale e delle relazioni periodiche trimestrali
  • Predisposizione del programma e della relazione particolareggiata sulle cause di insolvenza
  • Accertamento e formazione dello stato passivo
  • Assistenza professionale e supporto nella predisposizione degli adempimenti previsti dalla Legge Marzano o dalla Prodi-bis e dalla normativa fallimentare

Altre procedure di rilevanti dimensioni (LCA, Concordato fallimentare)

RSM supporta i propri clienti anche in caso di liquidazione coatta amministrativa e concordato fallimentare.

La prima è una procedura concorsuale avente finalità liquidative e applicabile a determinate categorie di imprese individuate dalla legge, tra le quali banche e assicurazioni. La procedura di LCA si caratterizza per la finalità pubblicistica. Ad essere tutelato è, infatti, ancora prima dell’interesse della classe creditoria, quello dell’interesse pubblico legato alla natura o all’attività dell’impresa. Fra i requisiti necessari per potere accedere alla procedura di LCA vi è infatti quello di esercitare un’attività di rilevanza pubblicistica oppure di operare in settori assoggettati a controllo pubblico o di gestire mezzi finanziari affidati da una grande quantità di soggetti.

Il concordato fallimentare è invece una delle forme di chiusura del fallimento, che avviene tramite un accordo tra i creditori ed il fallito oppure un terzo soggetto, in rispetto di determinate condizioni.

Il team Crisis & Forensic RSM offre supporto:

  • in caso di LCA, nell’analisi delle istanze dei creditori e nella review dello stato passivo di banche e assicurazioni;
  • in caso di concordato fallimentare:
    • al debitore nella predisposizione del piano di concordato;
    • al curatore nell'analisi della proposta pervenuta dal debitore;
    • ad uno/più creditori nella predisposizione dell'istanza di fallimento del debitore inadempiente.

Salese - Copy 2.jpg

Raffaele Salese
Partner - European Restructuring Co-leader

T: +39 02 83 42 14 90
Contatta Raffaele

How can we help you?

Contact us by phone +39 02 8342 1490 or submit your questions, comments, or proposal requests.

Email us